copertina: 

Il progetto

“Un ulivo per la vita” è un progetto che per la prima volta vede insieme San Patrignano e Klorane Botanical Foundation uniti nell’impegno altruistico e l’amore per la natura. L’educazione al rispetto della natura e dell’ambiente è infatti un valore fondamentale sia per Klorane Botanical Foundation sia per la comunità, che decidono di unirsi in un percorso di 4 anni e che coinvolgerà attivamente i ragazzi di San Patrignano.
I Laboratoires Klorane, da sempre pionieri e impegnati, seguono una linea guida rigorosa basata sul rispetto dell’etica farmaceutica, che presuppone un livello di rigore estremo in tutte le fasi di elaborazione dei prodotti, sul know-how botanico, elemento essenziale del marchio per cui tutti i prodotti sono a base di estratti vegetali, sull’autenticità, valore costituente del marchio, e sulla forte volontà di proteggere il nostro patrimonio vegetale.

San Patrignano, infatti, è una realtà nata e cresciuta mantenendo un forte legame con territorio e ambiente cercando sempre di avviare percorsi di sviluppo sostenibili e in equilibrio con l’ecosistema in cui è inserita.
Un pensiero coerente con il progetto umano e sociale della Comunità, che vede in un corretto rapporto tra uomo e ambiente uno degli strumenti educativi in grado di aiutare i ragazzi ospiti di Sanpa a superare i loro problemi; da qui la scelta di puntare su un’agricoltura biologica per tutte le produzioni vegetali.

In quest’ottica avendo in casa superfici agricole da valorizzare sia dal punto di vista produttivo che paesaggistico, nasce “Un ulivo per la vita” che intende mettere a dimora 1000 piante di olivo da olio, coltura storica del territorio collinare in cui si trova la Comunità.

Ora presso il centro della comunità in Coriano, la coltivazione dell’olivo si estende per circa 10 ettari e conta 3000 piante, con il progetto sostenuto interamente da Klorane Botanical Foundation si prevede la realizzazione di circa 3 ettari di nuovi impianti, non concentrati in un unico corpo, ma distribuiti in 6 siti, andando a recuperare superfici ora incolte già destinate a ex prati-pascoli e circoscritte porzioni di terreni inutilizzati che saranno valorizzati. Si prevede, di ultimare il progetto nell’arco di quattro anni.
Grazie alle nuove piante di ulivo San Patrignano sarà in grado di aumentare la produzione di olio, prodotto che venduto al pubblico, contribuisce all’autonomia economica della comunità, da sempre gratuita per tutti.